Innovazione Sostenibile: Il Nuovo Piano 5.0 e Gli Incentivi Green per le Imprese

Il prossimo lancio del Piano Transizione 5.0 potrebbe segnare un punto di svolta per le imprese italiane, introducendo nuovamente incentivi significativi per promuovere la sostenibilità ambientale e l’innovazione tecnologica dell’industria italiana e uno sviluppo sostenibile del tessuto economico italiano. Con una dotazione di 6,3 miliardi di euro per il 2024-2025, il piano mira a stimolare oltre agli investimenti innovativi in chiave 4.0 anche gli investimenti green con l’obiettivo di ridurre i consumi energetici.

Obiettivi: Il Piano 5.0 propone incentivi che oscillano tra il 5% e il 45% per investimenti fino a 50 milioni di euro. Tali incentivi si focalizzano su investimenti in beni strumentali, materiali ed immateriali, all’avanguardia tecnologica e connessi ai sistemi di produzione, moderni e in linea con le direttive Industria 4.0 stabilite nella legge di bilancio del 2017.

Requisiti: Questi incentivi sono destinati a imprese di ogni grandezza e settore, indipendentemente dalla loro forma giuridica o ubicazione, con l’obbiettivo primario di ridurre il consumo energetico di almeno il 3%.

Struttura degli Incentivi: Le aliquote di credito di imposta sono strutturate per favorire particolarmente le PMI, premiando gli investimenti che generano i maggiori risparmi energetici. Questo approccio mira a incentivare un miglioramento sostanziale dell’efficienza energetica nelle aziende.

Doppia Certificazione e Transizione 4.0: Il piano ipotizza che per accedere alle agevolazioni sia necessaria una doppia certificazione dei progetti di investimento per garantire la conformità agli obiettivi di efficienza energetica. In ogni caso le imprese che perseguono la digitalizzazione senza raggiungere i target energetici potranno continuare a beneficiare degli incentivi del Piano Transizione 4.0.

Condividi notizia