BANDO ATTIVO

transizione 5.0

cos'è

Il Piano Transizione 5.0 è un programma di incentivi fiscali destinato alle imprese italiane che investono in tecnologie innovative e sostenibili. L'obiettivo principale è promuovere la trasformazione digitale e l'efficienza energetica, migliorando la competitività delle imprese sul mercato nazionale e internazionale

REQUISITI

Le agevolazioni del Piano Transizione 5.0 sono accessibili a tutte le imprese italiane, indipendentemente dalla dimensione e dal settore. I beneficiari includono: Piccole e Medie Imprese, Grandi Imprese, Start-up Innovative, Imprese Agricole e Agroalimentari, Settori Industriali e Manifatturieri

SPESE AMMESSE

Gli investimenti ammissibili comprendono: Macchinari e attrezzature, Tecnologie innovative, Efficienza energetica, Sostenibilità e Formazione

Cosa Devi Sapere sul bando Transizione 5.0

Il Piano Transizione 5.0 è un’iniziativa strategica del governo italiano pensata per incentivare la digitalizzazione e la sostenibilità delle imprese. Questo strumento offre agevolazioni fiscali significative sotto forma di crediti d’imposta, permettendo alle aziende di modernizzarsi e diventare più competitive.

l principale vantaggio fiscale del Piano Transizione 5.0 è il credito d’imposta, che può arrivare fino al 45% del totale degli investimenti effettuati. Questo incentivo è particolarmente utile per le imprese che cercano di ridurre il carico fiscale e reinvestire i risparmi in ulteriori sviluppi aziendali.

I vantaggi fiscali specifici includono:

  • Credito d’Imposta: Fino al 45% per investimenti in macchinari, attrezzature, tecnologie innovative e formazione.
  • Esenzioni Fiscali: Riduzioni o esenzioni di tasse locali per le nuove attività imprenditoriali che si insediano nelle ZES.
  • Accesso a Finanziamenti Agevolati: Finanziamenti a tassi di interesse ridotti per sostenere gli investimenti.

SCOPRI DI PIU'

transizione 5.0

 

  • Efficienza Energetica: Promuovere l’efficienza energetica e l’uso di energie rinnovabili.
  • Digitalizzazione: Supportare la digitalizzazione delle imprese attraverso l’adozione di tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale, l’Internet of Things, la robotica avanzata, la stampa 3D e il cloud computing.
  • Competitività: Rafforzare la competitività delle imprese italiane sui mercati globali.
  • Macchinari e Attrezzature: Acquisto di nuovi macchinari e attrezzature industriali avanzate per migliorare la produttività.
  • Tecnologie Innovative: Implementazione di tecnologie come l’intelligenza artificiale, l’Internet of Things, la robotica avanzata, la stampa 3D e il cloud computing.
  • Efficienza Energetica: Soluzioni per migliorare l’efficienza energetica dei processi produttivi, inclusa l’adozione di fonti di energia rinnovabile.
  • Sostenibilità: Investimenti in soluzioni innovative per la produzione e l’utilizzo di energia sostenibile.
  • Formazione: Programmi di formazione per migliorare le competenze digitali e sostenibili del personale.

Le aliquote variano in base al tipo di investimento e ai miglioramenti in termini di efficienza energetica:

  • 50% del costo per investimenti con risparmio energetico del 30%.
  • 30% del costo per risparmio energetico del 20%.
  • 40% del costo per beni 4.0.
  • 20% del costo per beni non 4.0.
  • 30% del costo per beni per la produzione di energia da fonti rinnovabili​ 

Gli investimenti devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2026 e riguardare beni strumentali nuovi acquistati da fornitori italiani. Inoltre, è necessaria una doppia certificazione: una ex ante sulla riduzione dei consumi e una ex post sull’effettiva realizzazione degli investimenti. Le imprese devono anche rispettare i requisiti di sicurezza sul lavoro durante l’intero periodo degli investimenti​

Form

Scopri se la tua azienda è idonea all'agevolazione