BANDO ATTVO

credito d'imposta mezzogiorno ZES

cos'è

Il credito d'imposta ZES Unica 2024 è una misura di incentivazione economica per le imprese che investono nelle Zone Economiche Speciali (ZES) del Mezzogiorno. Introdotto con il Decreto Legge n. 124/2023, questo incentivo è progettato per stimolare lo sviluppo economico e l'occupazione nelle regioni meno sviluppate dell'Italia, promuovendo investimenti sia nazionali che esteri.

REQUISITI

Beneficiari del credito d'imposta ZES Unica sono le imprese di ogni dimensione e settore che operano o pianificano investimenti nelle ZES del Mezzogiorno.

SPESE AMMESSE

Le spese ammissibili includono l'acquisto di nuovi macchinari, impianti, attrezzature, terreni e immobili strumentali, con un limite di investimento di 100 milioni di euro per progetto e un minimo di 200.000 euro.

Cosa Devi Sapere - Credito d'imposta ZES

Il credito d’imposta ZES (Zona Economica Speciale) Unica 2024 è una misura di incentivazione economica mirata a stimolare lo sviluppo e l’attrattività delle aree designate come ZES in Italia. Questo strumento fiscale rappresenta un’opportunità significativa per le imprese che operano o intendono investire in queste zone. Di seguito, una panoramica delle caratteristiche chiave, dei benefici e delle modalità di accesso a questo incentivo nel 2024. Il credito d’imposta ZES Unica è un incentivo fiscale destinato alle imprese che effettuano investimenti (fino a 100 milioni) nella ZES Unica del Mezzogiorno. Queste aree sono state istituite per promuovere lo sviluppo economico e l’occupazione, specialmente nelle regioni meno sviluppate del paese. Lo scopo principale è di attrarre investimenti, sia nazionali che esteri, per stimolare la crescita economica e creare nuovi posti di lavoro.

COSA DEVI SAPERE

CREDITO D'IMPOSTA ZES

Possono beneficiare del credito d’imposta le imprese di qualsiasi dimensione e settore che operano all’interno della ZES o che prevedono di realizzare investimenti in quest’area.

Gli investimenti che possono essere considerati ammissibili all’agevolazione includono l’acquisto di nuovi macchinari, attrezzature, tecnologie avanzate, infrastrutture, e talvolta anche immobili destinati all’uso produttivo. Anche investimenti in ricerca e sviluppo, digitalizzazione e sostenibilità ambientale possono essere inclusi.

L’entità del credito d’imposta, che può arrivare fino al 60% dell’investimento dipende da vari fattori, come la dimensione dell’impresa, la natura dell’investimento e la specifica area della ZES. Generalmente, il credito è calcolato come una percentuale dell’investimento effettuato.

Per accedere a questo credito d’imposta, le imprese devono seguire una procedura ben definita, che può includere la presentazione di una domanda, la compilazione di moduli specifici e il rispetto di eventuali termini e condizioni stabiliti dalla normativa.