Un Passo Avanti per la Sostenibilità: La Nuova Direttiva UE sulla Due Diligence della sostenibilità aziendale

Nel dinamico contesto delle politiche sostenibili, l’Unione Europea ha recentemente segnato un traguardo significativo. La direttiva sulla due diligence per la sostenibilità aziendale, nonostante le sue forme più miti rispetto alle proposte iniziali, rappresenta un compromesso cruciale tra progresso e pragmatismo.

Sviluppo

Dopo intense discussioni e negoziati, i membri dell’UE hanno trovato un accordo su una versione più moderata della Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDD). Questa decisione, influenzata anche dal cambiamento di posizione dell’Italia, punta a concentrare le responsabilità sulle grandi aziende, con l’obiettivo di migliorare la trasparenza e la responsabilità nelle catene di approvvigionamento. La direttiva si applicherà a società con oltre 1.000 dipendenti e un fatturato globale superiore a 450 milioni di euro, mirando a prevenire il lavoro forzato e minimizzare i danni ambientali.

Implicazioni

Questa soglia ridotta implica che un numero inferiore di aziende sarà soggetto alle nuove regole, una mossa che ha sollevato discussioni sul reale impatto della direttiva. Tuttavia, si evidenzia un passo avanti nell’impegno dell’UE verso pratiche aziendali più sostenibili e rispettose dei diritti umani. La direttiva, in attesa del voto del Parlamento Europeo, segna un equilibrio tra le esigenze economiche e gli obiettivi di sostenibilità.

Nonostante le sue limitazioni, la CSDD rappresenta un avanzamento significativo verso l’integrazione della sostenibilità nelle strategie aziendali europee. Mentre ci avviciniamo al voto finale, resta la speranza che questa direttiva possa servire da catalizzatore per un cambiamento più ampio, promuovendo un futuro più sostenibile e giusto.

Condividi notizia