Svolte nel PNRR italiano: Incluso Industria 5.0 e 194,4 miliardi di euro

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) italiano ha recentemente ricevuto l’approvazione della Commissione Europea per importanti modifiche, tra cui l’introduzione di agevolazioni per l’Industria 5.0. Queste modifiche ampliano il PNRR, che ora include 66 riforme (7 in più rispetto al piano originale) e 150 investimenti, per un totale di 194,4 miliardi di euro.

Inclusione del Piano Transizione Industria 5.0

Una delle modifiche più significative è l’aggiunta del Piano Transizione Industria 5.0, che destina 6,3 miliardi di euro dal Piano RePowerEU per promuovere la transizione energetica dei processi produttivi verso un modello più efficiente e sostenibile, basato su fonti rinnovabili. Questi fondi, previsti principalmente per il biennio 2024-2025, si aggiungono ai fondi già assegnati al Piano Transizione 4.0, con un focus sugli incentivi green, come il risparmio energetico e il miglioramento dell’efficienza energetica.

Dettagli e Implementazione del Piano

Le nuove agevolazioni del PNRR, incluse quelle dell’Industria 5.0, saranno attuate attraverso decreti e provvedimenti che verranno pubblicati prossimamente.

Distribuzione dei Fondi per Industria 5.0

  • Investimenti 5.0: Credito d’imposta fino al 40% per l’acquisto di beni strumentali 4.0 con focus sull’efficienza energetica. Per beneficiare di aliquote più elevate, le imprese dovranno dimostrare una riduzione significativa del consumo energetico. I progetti richiederanno una certificazione “ex ante” e “ex post” per confermare la conformità ai criteri di ammissibilità.
  • Formazione 5.0: Credito d’imposta per formare il personale nelle competenze necessarie per la transizione verde.
  • Fotovoltaico 5.0: Credito d’imposta per l’acquisto di impianti di autoproduzione/autoconsumo di energia rinnovabile, escludendo le biomasse.

Altre Agevolazioni del PNRR

Oltre alle misure per l’Industria 5.0, il PNRR prevede quasi 6 miliardi di euro per altre iniziative, tra cui investimenti nel fotovoltaico, l’agrisolare, e contratti di sviluppo per filiere strategiche legate alla transizione green, nel settore agricolo e altre filiere.

  • Bando PNRR Fotovoltaico per PMI: 320 milioni di euro per contributi a fondo perduto fino al 50% per l’acquisto di tecnologie digitali per la produzione di energia rinnovabile.
  • Contratti di Sviluppo sulle Filiere Strategiche per la Transizione Green: 2 miliardi di euro per supportare le filiere nei processi produttivi strategici e nella sostenibilità ambientale.
  • Contratti di Sviluppo Altre Filiere: 500 milioni di euro per contratti di sviluppo in filiere non classificate come green.
  • Contratti di Filiera Settore Agricolo: 2 miliardi di euro per contratti di filiera per imprese agricole ed agroindustriali, con contributi a fondo perduto fino al 60% nelle regioni meno sviluppate.
  • Bando PNRR Agrisolare: 850 milioni di euro per il rifinanziamento del bando agrisolare, con contributi a fondo perduto variabili in base alla tipologia di azienda e alla potenza dell’impianto fotovoltaico.

Condividi notizia