Nuove Luci sugli ESRS: La Seconda Serie di Spiegazioni Tecniche dell’EFRAG

Recentemente, l’EFRAG ha rilasciato una seconda importante serie di spiegazioni tecniche riguardanti gli European Sustainability Reporting Standards (ESRS), segnando un altro passo avanti nel chiarimento degli standard di sostenibilità per le aziende europee.

La Genesi di Una Guida Essenziale

Nel tardo 2023, l’EFRAG aveva aperto la strada con una piattaforma dedicata alle Q&A sugli ESRS, progettata per assistere i preparatori e le parti interessate nell’applicazione degli standard. La seconda serie di spiegazioni, arricchita da 12 nuovi documenti, si propone di approfondire questioni tecniche trasversali, ambientali, sociali e di governance.

Un Supporto Strutturato per le Imprese

Attraverso linee guida e spiegazioni, l’EFRAG mira a fornire un sostegno pratico alle aziende nell’implementazione degli ESRS, evidenziando l’importanza di considerare gli impatti materiali, sia positivi che negativi, e di adempiere ai requisiti informativi specifici.

Questioni al Centro dell’Attenzione

Le domande trattate coprono un’ampia gamma di argomenti, dall’importanza della materialità degli impatti alla fase di transizione per le imprese che diventano “grandi” per la prima volta, passando per le strategie climatiche e la gestione delle risorse umane secondo criteri di sostenibilità.

Una Risorsa in Evoluzione

L’EFRAG sottolinea l’impegno continuo nel fornire chiarimenti e supporto, coinvolgendo il Sustainability Reporting Board e il gruppo di esperti tecnici per garantire un processo di discussione inclusivo e produttivo.

La seconda serie di spiegazioni tecniche dell’EFRAG rappresenta una risorsa fondamentale per le aziende europee impegnate nel percorso verso una maggiore sostenibilità. Questa iniziativa non solo aiuta a navigare la complessità degli ESRS ma anche incoraggia un approccio più informato e consapevole alla sostenibilità aziendale. Mentre ci avviciniamo a un futuro più verde, l’importanza di tali orientamenti non può essere sottostimata, evidenziando l’importanza di un dialogo aperto e di un impegno condiviso verso obiettivi sostenibili.

Condividi notizia